notizie

Avviso alla Clientela - Protocollo Intesa tra ABI e MEF

In attuazione dell’art. 4, comma 2 del Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 31 luglio 2014 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 226 del
   29 settembre 2014), è stato sottoscritto in data 8 ottobre 2014 un “Protocollo d’intesa tra l’ABI e il MEF - Dipartimento del Tesoro del Ministero dell’Economia e delle Finanze”.,
 
Banca CRS S.p.A., nel condividere le finalità ed i contenuti dell’iniziativa – ha aderito a tale protocollo.
 
Sono ammissibili alla garanzia del Fondo i mutui ipotecari
 
-       di ammontare non superiore a 250.000,00 Euro;
 
-       destinati all’acquisto di immobili adibiti ad abitazione principale, anche con accollo da frazionamento, non rientranti nelle categorie catastali A1, A8 e A9 o con caratteristiche di lusso, e a interventi di acquisto e ristrutturazione ed accrescimento dell’efficienza energetica. Il mutuatario, alla data di presentazione della domanda di mutuo, non deve essere proprietario di altri immobili ad uso abitativo, salvo quelli di cui il mutuatario abbia acquisito la proprietà per successione a causa di morte, anche in comunione con altro successore, e che siano in uso a titolo gratuito a genitori o fratelli.
   Per l’accesso alla garanzia del Fondo non sono previsti limiti di reddito dei mutuatari.
 
 All’atto di ammissione della garanzia, in presenza di più domande pervenute nella stessa giornata, il Gestore del Fondo (Consap S.p.A.) attribuisce priorità
 ai mutui erogati a:
-       giovani coppie: nuclei familiari costituiti da almeno due anni, coniugati o conviventi more uxorio, con uno dei componenti con età inferiore ai trentacinque anni;
-       nucleo monogenitoriale con figli minori: persona singola non coniugata, separata, divorziata o vedova con almeno un figlio convivente minore;
-       giovani di età inferiore ai 35 anni titolari di un rapporto di lavoro atipico di cui all’art. 1 della Legge 28 giugno 2012 n. 92;
-       conduttori di alloggi di proprietà degli Istituti autonomi per le case popolari.
 
 Sul sito internet della Banca, nella sezione Privati - Finanziamenti è disponibile il modulo di domanda.
 
 Il personale della Banca è a completa disposizione per ogni ulteriore informazione o chiarimento.

News dal Territorio

Nessuna notizia